il mio stile di vita plastic free

Posted on

Sei in cerca di consigli utili per avere uno stile di vita plastic free?  semplici accorgimenti che puoi mettere subito in atto

Diciamo la verità: modificare le nostre abitudini è noioso, difficile, richiede uno sforzo che spesso non abbiamo voglia di fare perchè in fondo è sempre colpa di altri.

Se stai leggendo questo post forse hai timore di non fare abbastanza, o forse hai preso consapevolezza del fatto che puoi fare di più per seguire uno stile di vita plastic free o semplicemente vuoi informarti per migliorare le tue scelte ed abitudini.

stile di vita plastic free consigli simona pastore blog

Il tema dell’ ecosostenibilità si è talmente elevato da essere diventato oggetto di interesse comune e sociale : dall’arte all’architettura alla moda tutto sembra ricordarci che non facciamo abbastanza per il nostro pianeta; ed è così.

[ A proposito di Arte : hai già letto il post sulla Biennale di Venezia 2019? ]

Adottare uno stile di vita plastic free non è la moda del momento, è una scelta che fai ogni giorno

Ma non sono qui per giudicare, piuttosto per informare e condividere la mia personale esperienza che potrei inserire nel livello medio dell’ecosostenibilità: ho una compostiera, non compro acqua in bottiglie di plastica da oltre due anni, faccio la raccolta differenziata con rigore, cerco di migliorare i miei comportamenti d’acquisto ogni giorno evitando l’utilizzo di prodotti usa-e-getta.

[* parentesi OFF TOPIC * Differenzio l’olio vegetale, quello usato in cucina per friggere: sapevi che va smaltito in appositi centri di raccolta? Non buttarlo nel wc o nel lavabo ( trovi info sul sito Legambiente) basta aspettare che si raffreddi ed inserirlo in una bottiglia di vetro – io  uso quelle dismesse della salsa – infine potrai svuotare la bottiglia nell’apposito padiglione, cerca nel tuo comune le stazioni di raccolta olio più vicine a te.]

Non voglio un applauso nè sembrare una fanatica dell’ecosostenibilità, la strada è ancora lunga ma tutti possiamo fare qualcosa per migliorare e correggere le nostre abitudini, anche tu nel tuo piccolo.

*mi trovi anche su Instagram @simonapastore_

Per me è già un traguardo aver modificato tante abitudini, esistono livelli Pro del vivere green che non puoi neanche immaginare! A tal proposito alla fine del post ti segnalo alcuni profili da seguire di vere esperte dell’ecosostenibilità domestica.

Iniziamo dalla base ovvero eliminare l’acquisto di bottiglie di plastica: parliamo di come una semplice borraccia isotermica possa agevolarti specialmente ora che è estate, nell’avere sempre con te una scorta portatile di acqua fresca.

il mio stile di vita plastic free inizia dall’abolire le bottiglie di plastica, ecco come

Ne esistono di vari tipi, marche, forme, dimensioni e colori: mantengono l’acqua alla stessa temperatura per 24 ore, si trovano su Amazon, negli store ed altri e-commerce; io ho una Chilly Bottle ma il web è pieno di proposte con le stesse caratteristiche.

stile di vita plasti free la borraccia isotermica Vediamo ora come ridurre l’acquisto delle bottiglie di plastica nell’uso domestico: hai mai sentito parlare delle  Case dell’ Acqua Acea ? Sono sparse ovunque su Roma ed erogano gratuitamente acqua potabile naturale e frizzante.

Io ho 12 bottiglie di vetro che riutilizzo per l’uso domestico, con un ottimo risparmio economico; verifica se nella tua zona o nella tua regione esiste un servizio analogo.

Diversamente esistono altri rimedi per microfiltrare l’acqua a casa con dispositivi di vario tipo, informati perchè esiste sempre una soluzione alternativa.

Come fare la spesa plastic free: fai una scelta consapevole!

tempo fa ho letto questo post -> apre in Olanda il primo supermercato plastic free

Questo articolo mi ha fatto riflettere sul sistema dei nostri supermercati e sulle scelte da compiere quando facciamo la spesa; se non hai tempo per fare la spesa presso i mercati rionali o la coldiretti, ti capisco e non ti giudico!

stile di vita plastic free
Ph: wisesociety.it

Sei single e giustamente cerchi le monoporzioni, sei giunto al banco frigo – zona verdure-  e trovi quei due prodottini accuratamente avvolti in 10 metri di pellicola adagiati su una vaschetta di polistirolo (potrebbe interessarti questo post -> boicotta la plastica per una settimana zero waste )

Usa le ricariche e migliora il tuo approccio ad una spesa ecosostenibile

Quante volte ti è capitato di rientrare a casa e sconfezionare una quantità tale di prodotti da riempire una busta solo di packaging? A me continuamente, mi sono chiesta cosa potessi fare per arginare la continua produzione di spazzatura.

Fossero anche due pesche, due carote o una cipolla non cedere all’acquisto confezionato, piuttosto prendi un sacchetto compostabile e pesa il singolo prodotto sulla bilancia, potrai utilizzare nuovamente quel sacchetto per l’umido; serviti al banco per i salumi o altri prodotti della gastronomia.

Oppure spillali! Molti supermercati hanno i dispenser per i cereali o altri prodotti simili, eviterai tanto inutile packaging da differenziare.

stile di vita plastic free dispenser cereali
Ph: vivimilano.corriere.it

Stesso discorso per i detersivi: oltre ad esserci le catene di franchising alla spina, potresti valutare l’uso dei pods anche se diverse ricerche evidenziano come la pellicola protettiva sia difficilmente smaltibile ed inquini non poco le acque dei nostri mari, lo stesso mare che vuoi trovare pulito quando vai in ferie.

Detersivi plastic free: scegli una soluzione alla spina

Conserva un vecchio fustino e ricaricalo con il detersivo che preferisci, meglio se con fonti di origine vegetale e biodegradabile, hai mai pensato che quel detersivo così profumato è lo stesso che usi per lavare la tua bianchera intima? Che potrebbe essere fonte di dermatiti e altri problemi della pelle essendo pieno di tensioattivi e altre sostanze non amiche della pelle? Dove finisce l’acqua della lavatrice?

Ultimamente ho iniziato a ricercare prodotti green per la lavastoviglie: ogni giorno entro a contatto con bicchieri, piatti e posate trattati con il brillantante (prodotto ricco di sostanze tossiche); avere stoviglie splendenti è fantastico ma la mia salute vale decisamente di più, perciò usa l’aceto o altri “rimedi della nonna” come un cucchiaino di bicarbonato.

Esistono anche intere linee di prodotti ecosostenibili (ad esempio Conad verso natura) se proprio non riesci a fare a meno di stoviglie e prodotti usa e getta scegli quelli ricavati da materiali riciclati compostabili.

E le buste? Scommetto che anche tu hai una shopper che ti hanno regalato ad un evento: usala per la tua spesa! Io ne ho tantissime e per la spesa settimanale (quella grande) riutilizzo sempre le stesse buste più capienti che conservo in auto.

Sapevi che servono oltre 500  anni per smaltire una cannuccia di plastica? Forse dovresti dare uno sguardo a questo documentario su Netflix : A Plastic Ocean – credo valga la pena fare uno sforzo e cercare di seguire uno stile di vita plastic free, io cerco di migliorare ogni giorno e tu?

Infine ecco alcune persone che potresti seguire nella ricerca di uno stile di vita plastic free

 

 

 

 

 

 

 

0 Comments

Leave a comment

Your email address will not be published.